it
default

63 assemblea|la relazione morale della presidente

Bologna 26 novembre

Domenica 25 novembre a Bologna si sono aperti i lavori della assemblea annuale dell’associazione che si concluderanno oggi con l’elezione del nuovo consiglio.

La Presidente uscente, Ester Silvana Israel , ha presentato la propria relazione morale di fine mandato

RELAZIONE MORALE FINE MANDATO DI PRESIDENZA
Ester Silvana Israel

Bologna 25 novembre 2018

Carissime socie e amiche sono lieta di porgere il benvenuto a tutte voi alla 63 assemblea nazionale. Grazie per essere venute e grazie alle amiche bolognesi per l’ospitalità e l’organizzazione. Un particolare ringraziamento a Ines Marach presidente della sezione di Bologna ed al Presidente Depaz per l’ospitalità e l’accoglienza della Comunità Ebraica di Bologna.

Con l’assemblea di oggi si chiudono i tre anni di mandato che le socie della ADEI-WIZO hanno conferito alla Presidente, al Consiglio Nazionale ed agli altri organi sociali. Per motivi tecnici abbiamo dovuto prolungare ad interim questo mandato, la cui scadenza naturale era a maggio 2018. Siamo quindi chiamate ad assolvere agli importanti adempimenti statutari ed al rinnovo degli organi sociali.

Con oggi porto a termine il mio secondo mandato di Presidenza. Il nostro Statuto prevede la possibilità di un terzo mandato consecutivo ma, come già mi espressi in sede di compilazione dello Statuto, considero che il limite di due mandati sia più adeguato a garantire che l’attività̀ di volontariato sia sempre sostenuta da forze motivate e dinamiche.

In questo senso l’avvicendamento nelle cariche sociali non è né deve essere rivoluzione, ma equilibrio e continuità̀.

Prima di ogni altra considerazione, desidero rivolgere un riconoscente ringraziamento a tutte coloro che mi sono state vicine in questi anni di attività̀ e che, pur con differente coinvolgimento, sono state animate dall’unico desiderio di conseguire gli obiettivi della nostra associazione.

Un particolare ringraziamento a coloro che mi hanno supportato e condiviso con me le molte responsabilità che il ruolo di Presidente comporta. Ringrazio la nostra tesoriera nazionale, Stefania Zevi che in questi anni mi ha affiancato offrendomi la sua competenza professionale non solo in ambito contabile ma anche in tutte le difficili questioni che abbiamo dovuto risolvere, tra le tante quelle legate nostra veste legale ed al mantenimento dei requisiti di legge che rendono possibile svolgere il nostro lavoro e soprattutto poter effettuare la raccolta fondi.

Ringrazio Maria Mayer Modena e tutte le componenti della Giuria selezionatrice del Premio Letterario ADEI-WIZO Adelina Della Pergola per il lavoro svolto ed in particolare Laura Wofsi che ha collaborato attivamente con la presidenza e la segreteria del premio quale tramite con la Giuria e molto altro.

Tante sono le socie, responsabili delle sezioni e consigliere con le quali ho avuto modo di collaborare in questi anni, non le nomino tutte perché non desidero incorrere in dimenticanze. Un grazie di cuore alla nostra Segretaria Claudia Fishman per la sua professionalità e preziosa collaborazione che è andata oltre i suoi doveri.

L’assemblea generale delle socie, che rappresenta l’organo sovrano della nostra associazione, è il momento per fare il punto sul cammino che insieme abbiamo percorso in questi tre anni, per fare un bilancio di ciò̀ che ha funzionato, ma anche di quello che va rivisto o potenziato.

È l’occasione per riflettere insieme e confrontarci sulla presenza e sul ruolo della nostra associazione all’interno dell’ebraismo italiano ed internazionale e sulle prospettive che si aprono per il suo futuro.

L’ADEI-WIZO deve fare i conti con la crescente diminuzione della partecipazione attiva delle socie alla vita dell’associazione. È sotto gli occhi di tutti che stiamo vivendo un momento di grave crisi economica e sociale e ciò indubbiamente frena la spinta verso il volontariato in generale ed in particolare inibisce il desiderio di assumere ruoli di responsabilità diretta sia a livello nazionale che locale.
Nonostante questo registriamo una grande partecipazione di socie e pubblico alle varie iniziative organizzate dalla ADEI-WIZO sia in ambito nazionale che nelle singole sezioni. Questo ci conforta ma, paradossalmente, non si traduce in un coinvolgimento in prima persona nell’organizzazione delle moltissime e, permettetemi di dire, qualificate attività proposte.

Sempre meno socie partecipano alle assemblee e non è sufficiente appellarsi alla questione economica per giustificare questa mancanza di partecipazione. Certo muoversi è un costo, ma lo è sempre stato e comunque è un aspetto che potrebbe essere risolto.

Più difficile è trovare ragione e soluzione al progressivo declino di interesse verso l’assemblea generale che, oltre ad essere l’organo sovrano dell’associazione, è il momento per sintetizzare le attività in cui l’associazione realizza le sue finalità istituzionali, condividendole con tutte le socie.

E’ compito dell’assemblea annuale determinare le linee programmatiche e di indirizzo delle attività dell’associazione. L’Associazione dunque si basa su principi di democrazia e di rappresentanza che tanto cari sono alla nostra tradizione ebraica.
Il Consiglio nazionale è l’organo esecutivo al quale è demandata la responsabilità di attuare le indicazioni programmatiche stabilite dall’assemblea e, in base ad esse, predisporre il programma annuale delle attività.

Ogni tre anni l’assemblea ordinaria ha il compito di eleggere il nuovo Consiglio e la Presidente che dovranno guidare e rappresentare l’associazione secondo le direttive assembleari. E’ evidente che le elezioni sono il momento conclusivo dell’assemblea e non un evento a se stante.
Dispiace dunque constatare che, ultimamente, la presenza di una buona percentuale delle delegate (elette nelle sezioni) si è limitata alla sola espressione del voto e solo durante le assemblee che prevedono il rinnovo delle cariche sociali; in breve solo ogni tre anni.

Un quadro questo che non deve scoraggiarci ma anzi deve rappresentare un pungolo per continuare una azione ancora più decisa di difesa dei valori e degli scopi che sono alla base dell’ADEI-WIZO e che, ne sono certa, sono profondamente radicati nei nostri cuori.

– Sostenere le istituzioni della WIZO ed il lavoro sociale ed educativo che la caratterizza e che è di importanza vitale per la società israeliana.
– Diffondere i valori dell’Ebraismo e del Sionismo svolgendo attività culturali in Italia con particolare riferimento alla cultura e tradizione ebraica.
– Sostenere attivamente la lotta contro l’antisemitismo e l’antisionismo (che ormai coincidono) in particolare contrastando con tutte le nostre forze e possibilità il movimento BDS.
– Sostenere e difendere le ragioni di Israele.
– Svolgere opera di promozione della donna e di lotta contro la violenza sulle donne.

Sono convinta che ci siano modi diversi per attuare i nostri obiettivi nel rispetto delle diverse sensibilità e adeguandosi ad ogni realtà locale. La raccolta fondi è una delle modalità indispensabili per il raggiungimento dei nostri scopi ma non è l’unica.
La nostra è una associazione di socie ed Il momento storico che stiamo vivendo ci obbliga ad individuare strategie e mezzi per poter rafforzare la nostra base ed incrementarla.

E’ mio parere che sia necessario comunicare al più elevato numero di donne ebree la nostra ragione d’essere e la nostra identità e quello che la nostra associazione rappresenta ed ha fatto dal 1927 a favore dell’ebraismo e di Israele.

Lo dobbiamo fare per rispetto alle donne che hanno fondato la nostra associazione e che hanno dedicato la loro vita alla ricostruzione dello Stato di Israele ed alla difesa dei diritti del Popolo Ebraico.

—————
Intendo presentare un rapido excursus sulle attività̀ che hanno caratterizzato gli ultimi anni, sui risultati raggiunti, sulle difficoltà incontrate, sugli obiettivi per il futuro.

Confido che questa relazione possa costituire una base di discussione per continuare la missione che ci siamo prefissate e per definire insieme le migliori modalità̀ per rendere più vitale ed efficace il nostro lavoro e la nostra mission.
Procederò in modo schematico e non potrò affrontare in modo dettagliato tutti gli argomenti per mancanza di spazio, anche se tutti sono ugualmente importanti.

SEZIONI Territoriali della ADEI-WIZO
Le sezioni sono l’anima dell’associazione. Sono la struttura portante che ci permette di divulgare la nostra missione in tutto il territorio nazionale. Grandi o piccole che siano sono tutte ugualmente indispensabili.

La nostra attenzione deve essere rivolta a tutte le sezioni, la perdita o l’abbandono di una sola di esse determina l’impoverimento di tutta l’associazione.

Purtroppo in questi ultimi 7 anni abbiamo registrato la chiusura di alcune piccole sezioni, principalmente per mancanza di socie, anche la nuova sezione di Taranto, dopo un promettente avvio ha subito un arresto.

Registriamo un calo significativo di socie in tutte le sezioni, in particolare (percentualmente) in quelle più grandi. Come accennavo nella premessa, questa diminuzione non si riflette nella stessa misura sul fruire delle attività ma nel mancato pagamento delle quote associative.

E’ dunque necessario mantenere contatti regolari e frequenti con tutte le sezioni, favorire lo scambio di idee ed esperienze tra le diverse realtà territoriali della ADEI-WIZO. Organizzare occasioni di incontro. Rafforzare il servizio di comunicazione interna, avvalendosi di ogni mezzo possibile, per tenere aggiornate tutte le socie sulla vita dell’associazione a livello locale, nazionale e soprattutto sulle attività, le proposte e gli imput della WIZO.

Data la struttura del nostro organigramma le responsabili delle sezioni sono coloro che per prime devono fare in modo che ogni socia sia informata della vita associativa della ADEI-WIZO, dei suoi progetti in Israele ed in Italia ed,in breve, farle sentire parte integrante di tutta l’associazione.

Nel programma che avevo presentato in occasione del mio primo mandato avevo espresso la mia convinzione che il contatto personale fosse il modo migliore per stimolare e motivare la partecipazione e durante questi anni mi sono impegnata a visitare tutte le sezioni. Ho accettato di buon grado tutti gli inviti che ho ricevuto da parte delle presidenti locali a incontrare i Consigli locali o a tenere incontri o conferenze su argomenti legati alle attività ed ai progetti della ADEI-WIZO.
Penso che ci sia ancora molto lavoro da fare e che sia auspicabile una maggior sinergia tra le presidenti di sezione e con la Presidente ed il Consiglio Nazionale.

Le ATTIVITA’ delle sezioni sono molteplici e non è possibile elencarle tutte in questa sede (rimando al nostro sito per ulteriori approfondimenti). In questi anni si sono moltiplicate le iniziative culturali ed anche sezioni piccole hanno organizzato attività di gran respiro culturale e di divulgazione delle attività WIZO. Attività comune a tantissime sezioni è il Bazar, momento tradizionale di raccolta fondi ed anche occasione sociale. L’apertura dell’anno sociale in molte sezioni è occasione per un evento particolare. Primo tra tutti il grande evento della sezione di Milano “Adeissima” che si svolge sempre con grande successo. Inoltre i concerti a Trieste, i pranzi a Roma, Genova e Livorno, Napoli anche a Verona, il festival del Cinema israeliano a Venezia, incontri culturali di alto livello a Siena e Merano e molto altro che potrete ritrovare nelle relazioni di ogni sezione.
Molte attività sono organizzate in collaborazione con le Comunità ebraiche locali o altre associazioni (per esempio l’associazione Italia-Israele).
Vi sono però delle criticità da considerare e sono legate alla difficoltà a reperire volontarie attive nell’organizzazione degli eventi. Spesso l’organizzazione è a carico di poche che si spendono senza limiti per portare a buon fine l’evento.
Inoltre la raccolta fondi ormai è sempre più limitata agli eventi quasi fossimo un club service e sono diminuite in modo significativo le donazioni spontanee.

DIPARTIMENTI

Nel 2011 è stato modificato lo Statuto dell’ADEI-WIZO principalmente nelle parti che riguardavano il necessario adeguamento alle normative della nuova legge sulle associazioni no profit. Non è stato modificato nella sostanza che rimane aderente ai principi ed agli scopi di quello precedente.
Perciò, per quanto riguarda i dipartimenti è stata mantenuta la medesima struttura.

Forse è il caso di rivedere questa parte dello Statuto per adeguarla alle nuove esigenze.

Ad oggi sono attivi i dipartimenti Raccolta Fondi, Relazioni Esterne e pubbliche relazioni, Cultura.
(che presenteranno la loro relazione all’Assemblea)

L’ assemblea annuale ha il compito di determinare le aree di attività ed i dipartimenti necessari e penso che sia importante dedicare un incontro ad hoc per rivedere questo aspetto dell’associazione e dedicarvi tutto il tempo necessario.

AVIV- Da tempo non abbiamo una responsabile nazionale AVIV che dovrebbe essere il tramite tra i gruppi AVIV territoriali e il Consiglio Nazionale. In effetti nelle sezioni non abbiamo più gruppi AVIV. Uno degli scopi principali dei gruppi è la formazione delle giovani per prepararle ad assumere ruoli di responsabilità all’interno della associazione ed in definitiva assicurare il ricambio generazionale. Uno degli strumenti di formazione più efficace è il Seminario WIZO AVIV internazionale ma ultimamente, nonostante fosse stato messo a disposizione un budget dedicato, non vi è stata alcuna partecipazione dall’Italia.
Forse è il caso di rivedere anche questa formulazione adeguandoci alle esigenze delle socie più giovani soprattutto ascoltandole e prendendo in seria considerazione le loro proposte. Anzianità di servizio o semplicemente l’età non sono gli unici requisiti che servono e sentirsi legate al passato, seppur glorioso, non significa chiudersi a nuove idee.

Lo Statuto ed i regolamenti sono necessari per il corretto funzionamento dell’associazione e per avere regole condivise ma non sono certo la Bibbia e sono modificabili e soprattutto vanno adeguate alla realtà dell’associazione nel rispetto, per le parti che competono, alle normative di legge.

WIZO

I rapporti con la WIZO da parte della Presidenza sono stati mantenuti con costanza con tutti i membri del Consiglio di amministrazione e in particolare con la Presidente e la Chairperson.
Assieme ad altre Consigliere ho partecipato sempre al MOR annuale ed all’EGM. Ho seguito personalmente tutte le questioni legate ai progetti direttamente sponsorizzati da ADEI-WIZO.
La WIZO, attraverso il suo dipartimento legale, mi ha supportato in diverse questioni legate alla risoluzione di un accertamento della Agenzia delle Entrate italiana nei confronti di ADEI-WIZO ed in una delicata questione legata ad una contestazione di un lascito. Entrambe le questioni, seppur fonti di mesi di ansia, sono state risolte positivamente.

Ho avuto occasione di visitare più volte sia i nostri che altri centri WIZO in Israele, compresa una casa rifugio per donne maltrattate. Non smetterò di ripetere che “vedere è credere” e che sia utile organizzare dei viaggi, anche per i nostri maggiori sponsor e donatori, per far loro vedere con i loro occhi come sono utilizzati i fondi che raccogliamo. A questo proposito propongo che, anche per piccoli donatori, sia sempre previsto un feedback, una lettera di ringraziamento che illustri il progetto per il quale hanno donato e i risultati raggiunti attraverso la raccolta fondi ad esso dedicata. In questo la WIZO può sicuramente fornire tutti i dati e le foto necessari.
BETH WIZO ITALIA.
Sin dal primo anno della mia presidenza è stata una priorità seguire il nostro centro a Lev Yaffo.
Le difficoltà sono state molte e ci siamo trovate in una situazione critica con la WIZO e con le responsabili dell’associazione Yedidei Beth Italia che opera nel centro. Colgo l’occasione per ringraziare Serena Temin e Claudia Amati per l’accoglienza che mi hanno sempre riservato.
ll Beth Wizo Italia è un centro sponsorizzato dall’ADEI-WIZO fin dal 1957 che lavora nell’ambito dei servizi per la gioventù. In questi ultimi anni il centro ha esteso le sue attività offrendo ai giovani corsi di formazione e di sviluppo delle capacità di leadership avvalendosi di personale didattico altamente qualificato. Il centro costituisce inoltre un importante luogo di aggregazione di giovani di varie etnie contribuendo all’ integrazione ed alla comprensione di vari modelli culturali.Purtroppo, nonostante tutti i nostri sforzi ( incontri , spiegazioni, visite ecc) , ed a causa della diminuzione considerevole dei nostri invii a WIZO e della riorganizzazione del budget da parte della WIZO la WIZO ha dovuto procedere al taglio dei fondi dedicati al centro. Ho presentato, già tempo fa alla WIZO un progetto educativo da svolgersi presso il Beth WIZO Italia e per il quale si potesse nuovamente raccogliere fondi. Mi è stata inviata una lettera che mi confermava che il progetto era stato passato al dipartimento di competenza e che sarebbe stata presa in considerazione la sua fattibilità. Spero che sarà possibile e che la prossima Presidente e Consiglio proseguano su questa strada.

ECWF: In questi anni abbiamo regolarmente partecipato con le nostre delegate ai meeting dell’ECWF e nel 2017 abbiamo ospitato il meeting a Milano in occasione dei festeggiamenti per i 90 anni dell’ADEI-WIZO. In quella occasione durante i lavori dell’assemblea ECWF sono stata eletta nel direttivo delle WIZO Europee. Incarico che continuerò a mantenere. Anticipo che il prossimo meeting si svolgerà a Budapest il 26 e 27 maggio 2019.

PREMIO LETTERARIO ADEI-WIZO Adelina Della Pergola

Si è conclusa da poco la diciottesima edizione con la cerimonia di premiazione e l’incontro con i studenti a Verona il 24 ottobre scorso. Il Premio Letterario dedicato ad Adelina Della Pergola è indubbiamente il fiore all’occhiello della nostra attività culturale e si è affermato come premio letterario prestigioso nel panorama dei premi letterari in Italia. L’unico premio letterario a carattere ebraico. Di grande soddisfazione la sezione ragazzi che è cresciuta moltissimo fino a coinvolgere 17 istituti superiori in tutta Italia ed oltre 250 studenti membri della giuria.

In sintesi vi è sia da parte del nostro finanziatore principale (Mara e Sergio Della Pergola) che da parte delle organizzatrici la volontà di proseguire a sostenere il premio e di sviluppare il “premio ragazzi” mantenendo entrambe le giurie e cercando di potenziare quella selezionatrice e attivandosi per incrementare la giuria popolare incoraggiando la formazione di gruppi di lettura locali e favorendo l’organizzazione di “eventi collaterali” legati al premio. Come sapete, nonostante le poche risorse umane a nostra disposizione, in questi ultimi anni siamo riuscite a potenziare il nostro premio e aumentarne la visibilità esterne. L’ADEI-WIZO è presente sui social con un account Twitter, uno FB ufficiale generale, una Pagina FB dedicata solo al premio ed un canale su YouTube. Abbiamo registrato con soddisfazione un deciso e significativo aumento di followers e soprattutto di re-tweet e tweet delle case editrici, il che ci fa capire che il nostro premio ormai è considerato importante ed in alcuni post definito prestigioso.

COMUNICAZIONE web e social
Attualmente disponiamo di un sito web (dal 2012) che è un portale che comprende i siti locali.
Le redazioni locali sono affidate alle sezioni che autonomamente postano articoli ed eventi locali che confluiscono automaticamente nella pagina principale.
E’ importante pubblicare i nostri eventi ed articoli sul sito oltre alle notizie riguardanti i nostri progetti ed alle campagne raccolta fondi perché è il luogo ufficiale e pubblico dove si possono reperire informazioni su chi siamo e cosa facciamo e a cosa destiniamo le nostre raccolte.
Quando dobbiamo fare la relazione annuale da inviare per il mantenimento dei requisiti facciamo riferimento (come richiesto) al sito. Ugualmente ci viene richiesto il sito da parte di tutti gli enti ai quali richiediamo patrocinio o finanziamento ecc.
E’ il nostro biglietto da visita la presentazione e prova di quello che facciamo.
Siamo presenti sui social FB, Twitter e YouTube. Con una pagina ufficiale ADEI-WIZO, un profilo ufficiale ADEI-WIZO, un account Twitter ufficiale ADEI-WIZO e una pagina dedicata esclusivamente al Premio letterario. Esiste un gruppo su FB della sezione di Milano ufficiale perché amministrato anche da ADEI-WIZO
Esiste un profilo di Roma che però non è ufficialmente amministrato anche da ADEI-WIZO e che penso fosse gestito dalla segretaria della sezione di Roma ma ora che non c’è più non so chi lo gestisca….

Abbiamo attivato una newsletter ADEI-WIZO che viene inviata a tutti i nominativi iscritti nel database. Sul canale YouTube ADEI-WIZO sono pubblicati i video prodotti da noi. Il sito ed i social sono aggiornati e seguiti giornalmente.
Attualmente il sito ed i profili social ufficiali sono gestiti da me tramite la mia ditta di comunicazione in forma totalmente gratuita.

Il lavoro di ufficio stampa è gestito dalla segreteria nazionale in collaborazione con la presidente ed è stato realizzato un data base di giornalisti e testate. Purtroppo sarebbe un lavoro a cui dedicarsi in esclusiva ma come ben sapete la segreteria ha altri compiti e non può dedicarvisi a tempo pieno. Abbiamo chiesto preventivi ad una agenzia di comunicazione ma purtroppo quelli che abbiamo ricevuto sono ampiamente fuori dalle nostre possibilità economiche, al momento. Ritengo però che sarebbe veramente utile considerare di allocare dei fondi per il servizio di un ufficio stampa.

Ringrazio tutte per l’attenzione e sicuramente questa relazione potrebbe essere più esauriente ma troppo lunga, sono a disposizione per rispondere a qualsiasi domanda e fornire chiarimenti.
Non ho trattato l’aspetto finanziario perché ne avrete amplia relazione da parte della Tesoriera

Ester Silvana Israel