it
default

Comunicato Stampa XX edizione Premio Adelina Della Pergola

Logo AW Premio Adelina Della Pergola

Milano, 5-03-20

Comunicato Stampa

XX edizione Premio letterario ADEI-WIZO

Adelina Della Pergola 2020

 

La Giuria selezionatrice della XX edizione del Premio Letterario ADEI-WIZO “Adelina Della Pergola”, riunitasi il 3 marzo scorso, ha decretato i finalisti nelle Sezioni Premio Adulti e Premio Ragazzi e ha designato il vincitore del Premio Speciale per l’edizione 2020:

Premio Adulti

Ida, Katharina Adler, trad. Matteo Galli, Sellerio editore, 2019

Olocaustico, Alberto Caviglia, Giuntina, 2019

Il mostro della memoria, Yishai Sarid, trad. Alessandra Shomroni, edizioni e/o, 2019

 

Premio Ragazzi

L’interprete, Annette Hess, trad. Chiara Ujka, Neri Pozza, 2019

La luce dell’ambra, Liliana Treves Alcalay, Giuntina, 2019

Premio Speciale

L’ultima intervista, Eshkol Nevo, trad. Raffaella Scardi, Neri Pozza, 2019

Dichiara la Presidente Nazionale ADEI-WIZO Susanna Sciaky: “Con grande emozione quest’anno festeggiamo il 20° anniversario dalla nascita del Premio Letterario ADEI-WIZO.

Voluto fortemente da Adelina Della Pergola, di cui porta il nome, è nato nel 2000 per diffondere la conoscenza della cultura ebraica, nelle sue molte realtà, al grande pubblico.

Nel corso degli anni è stato via via arricchito con il Premio Ragazzi, importantissima via di comunicazione ed educazione verso i giovani, tesa a contrastare l’antisemitismo rinascente, fornendo loro gli strumenti per esercitare un giudizio critico basato sulla reale conoscenza e non viziato da condizionamenti nati da stereotipi scorretti e disonesti. E la scorsa edizione ha visto la nascita del Premio Speciale: un Premio che si distacca dagli altri proprio perché premia qualcosa di “speciale”, un argomento, il coraggio, un ritorno o comunque un’idea di particolare valore.”

La Premiazione dei vincitori della XX edizione si svolgerà quest’anno a Genova, città ricca di storia e duramente provata dalla tragedia del Ponte Morandi. La Sezione ADEI WIZO genovese e la Comunità ebraica di Genova hanno colto con entusiasmo l’opportunità di ospitare il prestigioso evento.

La Giuria selezionatrice ha reso le seguenti motivazioni per la scelta dei titoli selezionati:

Premio Adulti

Ida, Katharina Adler, trad. Matteo Galli, Sellerio editore, 2019

La scrittrice Katharine Adler esalta il processo identitario e di indipendenza di una figura femminile realmente esistita ( Ida Bauer nota come il caso Dora analizzato da Freud): una protagonista che incarna un femminismo autentico che combatte le convenzioni sociali e i pregiudizi culturali. L’autrice offre altresì una visione accurata delle vicende dell’Austria fin de Siècle e di quelle di una famiglia della borghesia ebraica assimilata.

 

Olocaustico, Alberto Caviglia, Giuntina, 2019

E’ un romanzo che indaga questioni molto attuali come la creazione di fake news e le conseguenze che da esse possono derivare, il ruolo della memoria e l’approccio alla Shoah quando non vi saranno più sopravvissuti. L’autore inoltre utilizza in modo efficace, a partire dal titolo, ironia e satira per offrire un messaggio meno retorico di un argomento delicato e complesso per la futura trasmissione della memoria della Shoah.

 

Il mostro della memoria, Yishai Sarid, trad. Alessandra Shomroni, edizioni e/o, 2019

Romanzo che propone la questione della memoria come ossessione evidenziando il rischio che essa possa divenire fine a se stessa, relegata a un tempo morto. Il ricordare diviene una chiave critica di rilettura del presente o una modalità per interrogarsi sulle scelte attuali. L’uso del grottesco e della satira conferisce alla scrittura vivacità e forza narrativa.

 

Premio Ragazzi:

L’interprete, Annette Hess, trad. Chiara Ujka, Neri Pozza, 2019

L’autrice ha saputo affrontare con lucidità il tema della colpa, della vergogna e della responsabilità nella società tedesca del dopoguerra, indagando l’inerzia della giustizia tedesca nel perseguire e punire i crimini nazisti. La protagonista offre l’immagine di una donna coraggiosa, determinata e pronta a subire le conseguenze delle proprie scelte. Una storia che fa riflettere sulle responsabilità dei cittadini tedeschi oggi come allora e sulla zona grigia di cui ha scritto Primo Levi.

La luce dell’ambra, Liliana Treves Alcalay, Giuntina, 2019 Romanzo storico che presenta in modo convincente le vicende dei marrani e dei cripto-giudei nel Portogallo e nella Venezia di fine Cinquecento. Attraverso la storia avvincente di una famiglia ebraica l’autrice propone un esempio significativo di resistenza nei confronti dell’Inquisizione da parte dei conversos che, con coraggio, seppero salvaguardare segretamente la religione dei padri.

 

Premio speciale

L’ultima intervista, Eshkol Nevo, trad. Raffaella Scardi, Neri Pozza, 2019

Nella sua ultima opera l’autore affronta in modo magistrale alcune tematiche di valore universale: l’amicizia declinata negli attimi di tristezza, di dolore profondo o di gioia, l’amore coniugale colto nelle situazioni di crisi, i rapporti conflittuali con i figli analizzando altresì la società israeliana nella sua complessità. Con una struttura narrativa originale, sotto forma di un’intervista a se stesso, l’autore

risponde alle difficoltà del vivere attraverso l’invenzione di storie spesso rubate alla vita degli altri.

Susanna Sciaky conclude:

“Stiamo organizzando un grande compleanno, a Genova sede prescelta per il prossimo novembre, per festeggiare come merita l’iniziativa e chi la segue, dedicando energie inenarrabili, certe che

saremo premiate anche quest’anno con la presenza, l’affetto e il sostegno di tantissimi amici. Nel frattempo ha già preso il via la 21° edizione.”

 

Ufficio Stampa ADEI WIZO Italia

Giovanna Micaglio Ben Amozegh

335 6609162