it
sud1 e 2

I centri Wizo aperti per accogliere i rifugiati dal Sud

Israele Sotto attacco

Aggiornaento nr 3 – situazione centri Wizo accoglienza

Tutti i posti letto  supplementari nel villaggio scuola Wizo Nahalal sono stati messi a disposizione dei cittadini residenti  nei Kibbutz del sud del Paese , costrettia a fugg ire a causa dell’impossibilità di vivere nelle loro case . Stiamo sistemandoli in questo momento.
Abbiamo aperto le porte del villaggio scuola  Wizo Nir Haemek a 116 cittadini residenti a
Kfar Aza, nei pressi di Gaza, insieme alle  famiglie delle ragazze del Servizio Nazionale  di Bersabea, che sono al servizio nel villaggio della gioventù.
Beit Heuss, a Herzliya, si sta preparando ad accogliere i residenti del Sud per offrire loro uno Shabbat in sicurezza (si spera)
Ieri un razzo è stato intercettato nei pressi di un centro WIZO Day Care in Rehovot.
Scuola rifugioI genitori dei bambini negli asili nido (Day Care center)  sono confusi dalla indecisione nelle scelta di tenere aperti oppure no gli asili nido . La situazione è molto fluida, e la decisione non è nelle nostre mani, ma nelle mani delle autorità.
Gli uffici della Divisione prima infanzio  presso la sede della WIZO rimangono aperti in via eccezzionale  tutto il Venerdì per affrontare i problemi  man mano che si presentano.

AGGIORNAMENTI GENERALI : Primo razzo dal Libano dall’inizio dell’operazione colpisce il Nord del Paese.
Feriti  nel sud  da razzo .   La maggior parte di Israele sotto sbarramenti di fuoco anche  durante il giorno: Una casa in Ashdod è stata colpita e distrutta da razzi lanciati da Gaza nella notte di Giovedi.   Veicoli distrutti e bombole del gas sono scoppiati in fiamme, provocando un incendio nella zona di Ashdod.  Le sirene ululavano a Gerusalemme all’inizio del Giovedi sera. I residenti sentono almeno cinque esplosioni. Hamas ha rivendicato la responsabilità per il lancio di razzi su Gerusalemme, dicendo che i razzi miravano alla  Knesset.   Sirene continuato incessantemente . La Radio ferma le trasmissioni per comunicare gli  allarmi.   28 cittadini gravemente feriti durante il tentativo di raggiungere i  rifugi. Uno di questi cittadini viene tenuto in vita da un respiratore.  Da  Venerdì mattina: i residenti del sud sono  confinati nei rifugi.

Scrive Rivka Lazovsky Chairperson Wizo :

Sarà uno Shabbat molto diverso per molte famiglie in Israele questa settimana.  Mariti, padri e figli non ci saranno  di  finchè  continua la mobilitazione dell’esercito. Possiamo rischiare la passeggiata alle nostre sinagoghe, vogliamo stare  allo scoperto  così a lungo? Saremo al sicuro nelle nostre sinagoghe? nelle nostre case? o dovremmo  correre freneticamente per trovare i rifugi? 

Fermiamoci e pensiamo quanto sia importante la nostra casa è per noi -, in particolare durante lo Shabbat, dopo una lunga settimana di lavoro. Vediamo le nostre case come il nostro rifugio, il luogo in cui siamo al sicuro, un luogo pieno di amore.
Ma questo non è il caso di Gaza. Hamas conduce le sue attività militari in mezzo e nel profondo delle  zone residenziali a Gaza.
Le case sono usate per scopi militari, nelle stanze dei bambini  collocano nascondigli di armi, i razzi vengono lanciati da sotto edifici abitativi dove vivono donne e bambini.
In questo modo Hamas viola i più profondi valori ebraici dell’IDF mentre noi cerchiamo di evitare danni ai civili palestinesi.  Gli abitanti di Gaza sono usati come scudi umani.  Gli autori di questi crimini contro l’umanità non aspettano altro che  Israele venga criticato dalla stampa mondiale e accusato  ‘di colpire le donne ei bambini di Gaza’. E ‘uno scenario che si è ripetuto nel corso di molti anni, ed è questo cinico sfruttamento dell’opinione pubblica mondiale ‘che ha causato quello che stiamo vedendo oggi ovvero  l’accumulo di armi sempre più micidiali  in  mano dei  terroristi  armi in grado di raggiungere e colpire   in profondità Israele. May we all have a  שבת שלום ושקטה

A peaceful and quiet Shabbat

 

a cura di redazione nazionale

ESI