it
missili_israele_nov2012

Missili su Israele: il suono del terrore

A causa della crisi in Israele, dove i razzi continuano a cadere – ora anche nella zona di Tel-Aviv – La WIZO ha urgente bisogno di costruire e mantenere rifugi a prova di razzo in tutti i nostri centri e asili nido . I nostri pensieri e le nostre preghiere sono rivolte ai coraggiosi cittadini di Israele.

Aiutaci a salvare vite umane!   La WIZO è pronta a fornire ogni assistenza necessaria 

dal messaggio della Wizo a firma di Rivka Lazovsky

OPERAZIONE  “PILASTRO DI SICUREZZA”
Tutte le scuole sono state chiuse, è stato ordinato alla popolazione di rimanere nei rifugi e sono stati proibiti tutti gli assembramenti inclusi i matrimoni e i teatri.

Ieri alle 16.10  ,ora Israeliana, il Comandante Generale Benny Gantz ha deciso un attacco intensivo contro Hamas, la Jihad islamica e altre organizzazioni terroristiche che operano nella striscia di Gaza. L’esercito israeliano ha attaccato un’automobile guidata dal capo dell’ala militare di Hamas a Gaza, Ahmed Jabari,   coordinatore di gruppi terroristici e autore di  numerosi attacchi mortali contro Israele.
Lo scopo della campagna chiamata “ PILASTRO DI SICUREZZA” è colpire il comando  di Hamas e minare le infrastrutture dell’organizzazione terroristica attaccando i bersagli che servono da basi del terrore contro i civili israeliani per migliorare la sicurezza delle comunità del Sud d’Israele e la situazione attorno alla striscia di Gaza. Il Comando del fronte Nazionale e le autorità per l’emergenza hanno fatto tutti i passi necessari e si chiede ai cittadini israeliani di seguire le istruzioni impartite.
La situazione è diventata intollerabile. Fin dal 2009 sono stati sparati all’incirca 2.262 razzi da Gaza a Israele, principalmente sui centri abitati. Nei tre anni dall’ultima operazione a Gaza , gli attacchi da Gaza  si sono  intensificati e il loro arsenale ora include missili Fajr che possono raggiungere il centro del paese. Il 23 Ottobre scorso è stato ferito gravemente un capitano dell’esercito che controllava il confine. La settimana scorsa un soldato è stato ferito seriamente e altri due lievemente mentre facevano controlli di routine. Due giorni dopo i terroristi hanno di nuovo aperto il fuoco contro una pattuglia .
Tutto ciò è inaccettabile. Anche la quotidiana pioggia di missili, che ora è un diluvio, è inaccettabile. Le nostre famiglie si meritano altro . Il nostro paese si merita altro. Nessuno vuole la guerra, noi capiamo i pericoli e non li prendiamo alla leggera, ma siamo pronti e desiderosi di difendere il nostro popolo,le nostre case e le nostre famiglie.
Noi abbiamo chiesto la pace e i nostri nemici hanno risposto con i razzi. Noi abbiamo chiesto che i nostri bambini vadano a scuola senza doverci preoccupare se torneranno o no. Vogliamo andare al lavoro senza la paura dei razzi che possono cadere durante l’ora di punta, vogliamo vivere le nostre vite senza la paura dei razzi e del terrore, sono solo diritti umani basilari,né più, né meno.
I nostri pensieri  e le nostre preghiere sono con L’Esercito di Difesa Israeliano e con i coraggiosi residenti nel Sud del paese.