it
nuovoanno

WIZO: riapre nella speranza il nuovo anno scolastico

Aperto Il nuovo anno scolastico nelle scuole  WIZO  e nei villaggi della gioventù, dopo un’estate piena di incertezza e insicurezza, soprattutto per gli asili nido nel sud del paese.

La WIZO gestisce 35 asili nido e 2 centri per l’infanzia nel sud di Israele che ha subito l’incessante fuoco dei razzi di Hamas provenienti dalla Striscia di Gaza durante quest’ultima esplosione di violenza e di guerra.

Il cessate il fuoco ha permesso alla Wizo di aprire il nuovo anno scolastico in tutti gli asili nido e nelle sue scuole , e si è ritornati a vivere nel familiare mondo WIZO che ha accolto come sempre amorevolmente i bimbi che rientravano accompagnati dai loro genitori, grati di poter così riprendere con un po’ più di serenità il loro lavoro quotidiano.

MK Aliza Lavie, che dirige il Comitato per la promozione della donna nel parlamento israeliano – Knesset- ha visitato, durante il primo giorno di apertura, tre asili nido, nel sud di Israele ed ha potuto apprezzare la messa in atto dei meccanismi di coping che sono attivati per fronteggiare le diverse condizioni fisiche e lo stess durante i periodi di emergenza. La sua visita, iniziata dal Centro Meyerhof ad Ashdod, è proseguita ad Ashkelon, una delle località oggetto di costante pioggia di missili, nel DCC che si trova a Barzilai Hospital che a causa della situazione precaria d’emergenza ha accolto solo i figli del personale medico, eccezionalmente richiamato in numero elevato per medicare e operare 24 su 24 le vittime e i soldati feriti.

Durante la visita, gli ospiti hanno realizzato l’importanza di mantenere la stabilità negli asili nido, e visto, ancora una volta la capacità della società israeliana di far fronte in maniera positiva agli eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà e di ricostruirsi restando sensibili alle opportunità positive che la vita offre, senza perdere la propria umanità. Nonostante il cessate il fuoco, l’atmosfera nei centri che sono stati visitati, era pesante e solenne, e la speranza che il nuovo anno di solito porta con sé non era così evidente come al solito. Gli ospiti hanno incontrato molti genitori che accompagnavano i loro bambini il primo giorno, ed era ovvio che tutti vedessero l’ora di tornare alla normalità, che è così fondamentale per tutti.