it
Premio 18

XVIII Premio Letterario ADEI-WIZO a Liebrecht e Somekh

Verona 24 ottobre 2018

Annunciati i vincitori della XVIII edizione :

Il Premio va al  romanzo Perle alle luce del giorno di Savyon Liebrecht  che ha ottenuto la maggioranza delle preferenze della giuria popolare e con la seguente motivazione della Giuria Selezionatrice :

Dalle periferie di Beer Sheva, alla città di Tel AVIV, passando per l’Europe e l’America, l’autrice, nei tredici racconti che compongono l’opera, ci regala pagine commoventi che descrivono in modo magistrale una società eterogenea, quella israeliana. Le sue molteplici contraddizioni e la sua inesauribile voglia di vivere, danno vita a storie e destini di personaggi che nella loro diversità compongono l’affresco di un paese affascinante, immerso in un contesto specifico e unico.

Il Premio ragazzi va al romanzo Grandangolo di Simone Somehk che ha ottenuto la maggioranza delle preferenze della giuria degli studenti  e con la seguente motivazione della Giuria Selezionatrice :

Ottimo esordio del giovane scrittore Simone Somekh con un romanzo di formazione convincente nell’evoluzione del protagonista e nello stile agile e ben articolato.

————————-

Nella splendida cornice della Sala Maffeiana del  Teatro Filarmonico di Verona si è svolta la cerimonia di premiazione della XVIII edizione del Premio Letterario dedicato in memoria di Adelina Della Pergola. Erano presenti la scrittrice Esty G. Hayim e Simone SomekhSavyon Liebrech , di cui era stata  annunciata la presenza, non ha potuto intervenire a causa di un problema di salute . Impossibilitati a venire anche gli autori del secondo romanzo finalista del Premio ragazzi Josh Aronson e Denise George. 

Filo conduttore della serata il tema “Scrittura al femminile: la specificità israeliana” sul quale  il professor Cyril Aslanov dell’Università ebraica di Gerusalemme ha tenuto una lectio magistralis che ha appassionato e coinvolto il pubblico.

Cyril Aslanov  ha aperto il suo intervento con un ricordo dello scrittore Aharon Appelfeld, da poco scomparso. Nel 2002, con la sua commovente Storia di una vita, fu proprio lui a vincere il Premio ADEI-WIZO Adelina Della Pergola.

L’incontro è stato onorato dalla presenza della Vice Ambasciatrice d’Israele  che ha espresso la sua ammirazione per le scrittrici finaliste, entrambe israeliane,  riprendendo nel suo intervento il tema della serata.  Ofra Farhi  ha riservato all’ADEI una bella sorpresa , una foto che ritraeva sua nonna  della quale  indossava una spilla d’epoca della WIZO .

Presenti in sala, tra gli altri, il presidente della Comunità ebraica veronese Celu Laufer, il rabbino Yosef Labi, il Consigliere UCEI Roberto Israel (che ha anche guidato gli studenti in visita alla sinagoga di Verona) e Mara Della Pergola, in rappresentanza anche del fratello Sergio e Georgia Gaida presidente della sezione veronese dell’ADEI-WIZO. Tra il pubblico anche numerose socie e membri della Giuria Selezionatrice del Premio.

Ha condotto la cerimonia Simonetta Chesini, giornalista televisiva  che assieme al Prof Aslanov  ha intervistato la scrittrice Esty G. Hayim seconda  finalista del Premio con il romanzo Vite agli angoli  . La traduzione è stata affidata a Raffaella Scardi .

Ester Silvana Israel , presidente nazionale ADEI-WIZO ha illustrato le finalità  e la complessa e rigoroso struttura del Premio  ringraziando tutti coloro che lo  rendono possibile e che lo sostengono.

 

Incontro Liceo Maffei

Incontro Liceo Maffei

L’evento è stato preceduto nella mattinata  dal consueto incontro degli studenti con gli autori finalisti della sezione del premio dedicata ai ragazzi . L’aula Magna del Liceo Classico Scipione Maffei ha accolto gli studenti , membri della giuria del premio ragazzi, provenienti da tutta Italia. Quattordici erano quest’anno gli Istituti superiori che hanno partecipato e ben tre della città Scaligera. Laura Wofsi e Andrea Ranzato hanno condotto l’incontro e  Simone Somekh  ha risposto alle numerose domande degli studenti. Durante l’incontro è stata illustrata anche la seconda opera finalista L’orchestra degli esuli . 

 

 

ESI